Ritorno a Lampedusa, Fabio Tonacci, Cristiano Minichello (Agf), repubblica.it, 01/10/2016

 » Nel terzo anniversario del naufragio in cui persero la vita 368 migranti, 25 sopravvissuti si sono ritrovati sull’isola per raccontare le loro storie. E per chiedere che stragi come quella non si ripetano più

Le loro vite nuove costruite in tre anni d’Europa le hanno riportate come testimonianza a Lampedusa. Dove tutto poteva finire, e invece tutto è iniziato. In 25 dei 155 sopravvissuti al naufragio del 3 ottobre 2013, in cui affogarono 368 eritrei salpati dalla Libia, sono tornati sull’isola per il terzo anniversario della strage. Il primo dopo l’approvazione della legge che ha dichiarato quella data Giornata della Memoria e dell’Accoglienza. La diaspora dei migranti li ha sparpagliati in tutto il Nord Europa. Uno solo è rimasto in Italia, con la Comunità di Sant’Egidio.

Chi è tornato racconta a Repubblica un pezzo di sé. Qualcuno, si intuisce, omettendo le reali difficoltà dell’integrazione. « L’Europa inizia a Lampedusa, questo è il messaggio », dice Tarek Brhane, presidente del Comitato 3 Ottobre che ha organizzato la tre giorni di celebrazioni. « Dal 2013 sono morte in mare altre 11.400 persone. Siamo stufi di contare i cadaveri ».

ALEX, 28 anni (foto)

« Devo innaffiare la piantina 18, ricordo del mio amico perduto »

Alex è tornato a Lampedusa perché deve vedere una pianta. La numero 18. Dopo il naufragio il Comitato 3 Ottobre decise di piantarne 368 nel Giardino della Memoria, una per ogni vittima. Quella per il suo amico d’infanzia, Alex l’ha voluta mettere nella terra con le sue mani. Ma da allora non ha più parlato di quella notte. Non è mai esistita, è una cicatrice nera dentro all’anima. Alex sta crescendo, come la pianta. Ha un sacco di cose da raccontare al suo amico che non c’è più. Che ora vive a Amersfoort, in Olanda. Che a 28 anni è finalmente padre di una bambina, Enos, di tre mesi. Che ha una moglie, Rachele, e un lavoro da cameriere. « La vita è dura, ci trattano bene, ma la lingua è un ostacolo per tutto ». Il prossimo anno tornerà a Lampedusa, perché ha promesso di far conoscere Enos alla sua « famiglia » italiana: i coniugi Piera Macaluso e Lillo Maggiore, che lo hanno accolto in casa per alcuni mesi dopo il 3 Ottobre. « A papà Lillo ho chiesto solo una cosa: di annaffiare sempre la mia pianta ». » (…)

http://www.repubblica.it/cronaca/2016/10/01/news/ritorno_a_lampedusa-148853936/?ref=HREC1-2

Crédit photo : Cristiano Minichello (Agf), ibidem

Voir aussi :

Évelyne Ritaine, « Quand les morts de Lampedusa entrent en politique : damnatio memoriæ », dans Effets-frontières en Méditerranée : contrôles et violences, Cultures & Conflits, 99-100, 2015

Consultable sur : https://www.cairn.info/revue-cultures-et-conflits-2015-3.htm