« End of dreams », sculpture, N. B. Skyum Larsen, Calabria, 2014 june

 Foto di Giuseppe Politi

Pizzo Calabro, le statue in mare in memoria dei migranti, 26 giugno 2014

 « Si chiama « End of dreams » (Fine dei sogni) l’installazione sottomarina del danese Nikolaj Bendix Skyum Larsen. E’ la prosecuzione del progetto « Ode to the Perished », realizzato nel 2011 in Grecia. Con le sue composizioni, l’artista rende omaggio ai migranti che hanno perso la vita nel difficile viaggio verso l’Europa.

« End of dreams » – realizzato in collaborazione con la residenza artistica Qwatz – si compone di 48 statue, immerse nelle acque di Pizzo Calabro. L’artista ha scelto un luogo italiano dopo aver visto su un giornale l’immagine degli immigrati avvolti nelle lenzuola, annegati nelle recenti tragedie di Lampedusa. Le statue realizzate sono, infatti, forme antropomorfe che richiamano i migranti deceduti ricoperti da sacchi. Le sculture sono realizzate con un materiale chiamato « concrete canvas », contenente polvere di cemento, che verrà scolpito con il movimento delle acque.

L’8 giugno le statue sono state legate a una piattaforma che è stata rovesciata e immersa nel mare della Calabria, nel punto chiamato Pizzapundi. La zattera galleggia sulla superficie dell’acqua ed è ancorata con quattro blocchi di cemento sul fondo del mare. Le sculture pendono sotto la piattaforma, formando una costellazione subacquea e resteranno in mare per quattro mesi. Una volta tirate fuori, incise dal mare, verranno esposte in mostre itineranti, in Italia e in Europa. »

http://www.repubblica.it/solidarieta/2014/06/26/foto/pizzo

Foto Nikolaj Bendix Skyum Larsen