Italie 2014 /Arrivées de migrants : la glorieuse incertitude des chiffres

viminale
Photo : La Repubblica

.

Italian MEP candidates scaremongering on immigration, Luciano Scagliotti, euobserver.com , 15/05/2014   

 » The politics of fear are taking the stage in the upcoming European elections in Italy. Scaremongering is being used by representatives of both the majority and the opposition, by leaders of the European People’s Party Forza Italia and populist parties, as well as by high-level government officials.

 For example, last month Angelino Alfano, Italian Minister of Home Affairs claimed: « Italy is under strong migratory pressure. Between 300,000 and 600,000 migrants are ready to leave from the Libyan coasts. »

 And Giovanni Pinto, head of the Italian Immigration and Border Police agency said: « At least 800,000 migrants are about to depart the North African coast for Europe. » He later admitted that those numbers were « not a concrete projection » but only « an estimate of the potential base of would-be immigrants ».

 MEP Iva Zanicchi, a Forza Italia candidate for the 25 May election, also stoked fears when referring to an influx of immigrants: « Remember this word: ebola. It’s coming. Yes folks, there is cholera. »

 And Populist Beppe Grillo, leader of the M5S party, last week played the immigrant card: « The problem … [are] those who come from the east. [With Bulgaria and Romania] a bargain was made: the gypsies came to Italy and the companies opened factories there. »

 Waving the threat of an ‘alien invasion’ has been a permanent feature of populist political discourse across Europe in recent electoral campaigns, whether for European, national or local elections.

 Nevertheless, there is something new this time in Italy: a European dimension which was almost totally missing in previous campaigns.

 This time Italian politicians are urging EU institutions, rather than the national government, to declare a war on (illegal) immigration or to at least strengthen the protection of external borders, making Europe a real fortress. » (…)

 http://euobserver.com/opinion/124117

.

Il Viminale: « Oltre 800mila migranti verso l’Europa, il sistema è al collasso », La Repubblica, 29/04/2014

 » Il direttore centrale della polizia delle frontiere, Giovanni Pinto: « Quasi un milione di persone pronte a partire dall’Africa. Nel 2014 sono già sbarcati in 25mila. Non abbiamo più luoghi dove portarli ». Poi il dietrofront: « Nessun allarme, situazione sotto controllo ». Forza Italia e Lega: « Stop all’operazione Mare Nostrum »

 « Ci sono 800mila persone, se non di più, pronte a partire dall’Africa verso l’Europa ». E’ l’allarme lanciato dal direttore centrale dell’immigrazione e della polizia delle frontiere, Giovanni Pinto, oggi in audizione dalle commissioni Difesa ed Esteri riunite del Senato. « Il sistema di accoglienza per i migranti », ha aggiunto Pinto, « è al collasso, non abbiamo più luoghi dove portarli e le popolazioni locali sono indispettite dal continuo arrivo di stranieri ».

 « Come durante la Primavera Araba ». Secondo la disamina di Pinto, nel 2014 sono arrivati via mare 25mila migranti, più della metà di quelli giunti nell’intero 2013, quando furono 43mila. Di questi, il 90 per cento è partito dalla Libia. I numeri, ha aggiunto Pinto, « sono in linea con quelli del 2011, l’anno delle cosiddette primavere arabe, quando arrivarono 63mila migranti. Il Viminale sta pensando ad un piano di accoglienza per 50 mila migranti, perchè i 16 mila posti dello Sprar (il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) non sono sufficienti ».

 « Servono altri fondi ». « L’operazione ‘Mare nostrum’ ha dato risultati eccellenti », ha detto Pinto, « ma ha anche incrementato le partenze dalla Libia ». « Quelli sostenuti per l’operazione Mare Nostrum, per i voli di trasferimento interno e per i voli di rimpatrio dei migranti sono costi complessivamente significativi », ha continuato Pinto, « ogni mese di pattugliamento costa 9 milioni e mezzo di euro. A questa somma vanno aggiunti, per il solo 2014, 1,27 milioni per i 31 voli charter di rimpatrio: 21 per l’Egitto, 8 per la Tunisia e 2 per la Nigeria. Altri 2,5 milioni – ha ricordato Pinto – sono serviti per i voli di trasferimento interno dei migranti verso le varie località di destinazione. Questa ultima voce è stata coperta da finanziamenti europei, ma ora servono altri fondi ».

 Exit strategy da Mare Nostrum. Dopo la tragedia del 3 ottobre a Lampedusa, ha ricordato Pinto, « non abbiano più morti e questo è un dato oggettivo. Meglio gli arrivati che i morti, anche se un così massiccio arrivo di persone crea problemi. Mare Nostrum ha svolto un’operazione di drenaggio delle partenze, raccogliendo finora 23mila persone ». Secondo Pinto, serve « una exit strategy da Mare Nostrum. La Commissione europea – ha sottolineato – deve mettersi le mani in tasca e dare risorse » « (…)

Continua :  http://www.repubblica.it/cronaca/2014/

Vedere anche :

Immigrazione, Alfano: « Fino a 600mila pronti a imbarcarsi dall’Africa », La Repubblica, 03/04/2014

« L’allarme del ministro dell’Interno: « Noi ci batteremo perchè l’Europa difenda le frontiere. Frontex deve essere potenziato »

« Secondo le nostre informazioni, in Nordafrica ci sono tra 300 e 600 mila persone in attesa di transitare nel Mediterraneo ». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, a margine di un convegno a Palermo sull’immigrazione. « Si tratta di persone che molto spesso finiscono nelle mani di trafficanti di morte, trafficanti di esseri umani », ha aggiunto Alfano, « noi ci batteremo perchè l’Europa difenda le frontiere. Lo strumento c’è, si chiama Frontex, va potenziato. Se non si difende la frontiera non si risolve il problema degli sbarchi » (…)

http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2014/

.

Sbarchi. Renzi: « No allarmismi, ma Ue collabori e Onu vada in Libia », stranierinitalia.it, 30/04/2014

 Il premier: « L’Unhcr deve operare in Libia e Ue partecipare a Mare Nostrum. Sull’immigrazione toni superficiali, creano allarme »

 “In Libia bisogna mandare un inviato speciale dell’Onu, lo chiederemo formalmente come Italia”.

 Lo ha detto ieri il presidente del Consiglio Matteo Renzi a Porta a Porta, annunciando che nei prossimi giorni il segretario generale Ban Ki Moon sarà a Roma.

 Renzi di fatto ha ribadito il concetto uscito dal vertice di governo di lunedì scorso: avanti con Mare nostrum, ma con un intervento diretto di Nazioni UNite e Ue.

 “Se riusciamo a portare l’agenzia dei rifugiati a intervenire sulle coste libiche- ha spioegato ieri –  forse c’è un minor rischio di intervento in mare, se Mare nostrum non è fatta solo dalla Marina Italiana ma dall’Ue forse le cose vanno meglio ».

 « I toni utilizzati sull’immigrazione mi colpiscono molto perché improntati alla superficialità — ha detto  ancora il Premier — anche per colpa nostra, per come è stata presentata la notizia degli sbarchi con alcune valutazioni suonate allarmistiche »

 http://www.stranieriinitalia.it/attualita-sbarchi

.

Profughi. Cir: « Senza Mare Nostrum stesse partenze, ma più morti in mare », stranierinitalia.it, 02/05/2014

Il Consiglio Italiano per i Rifugiati analizza i dati sugli arrivi via mare. “Aumento dovuto alla crisi in Siria e al caos della Libia”

 “Comparando i dati sugli sbarchi di migranti e rifugiati dal 2011 all’Aprile 2014, si può affermare che, a causa del prolungarsi della crisi in Siria e dell’instabilità in Libia, le persone sarebbero partite dalla Libia e dall’Egitto anche senza ‘Mare Nostrum’, ma molti di loro non sarebbero mai arrivati vivi senza questa Operazione”. (…)

DATI COMPARATIVI dal 2011 al Aprile 2014

 Anno 2011

 Totale: oltre 62.300 migranti e rifugiati sbarcati in Italia

 Gennaio 2011 – febbraio 2011 > 6.300

 Marzo 2011 – Agosto 2011 > 54.000

 Settembre 2011 – dicembre 2011 > oltre 2.000

 Anno 2012

 Totale: 13.245 migranti e rifugiati sbarcati in Italia

 Gennaio 2012 – Agosto 2012 > 7.849

 Settembre 2012 – Dicembre 2012 > 5.396

 Anno 2013

 Totale: 42.925 rifugiati e migranti sbarcati in Italia

 Gennaio 2013 – Giugno 2013 > 9,000

 Luglio 2013 – Ottobre 2013 > 26.085

 Novembre – Dicembre > 7.840

 Principali Nazionalità: 11.300 siriani; 9.800 eritrei, 3.300 somali

 La stragrande maggioranza di richiedenti asilo di queste nazionalità hanno ottenuto protezione.

 I porti di provenienza: 27.200 dalla Libia e 9.200 dall’Egitto

 Anno 2014 – primi 4 mesi

 Totale circa 24.600 persone (1 gennaio a 28 aprile). (Secondo alcune fonti, il totale in questo periodo risulta inferiore a 20.000 unità)

 Aprile (1-27) 2014 > 7.762

 (I dati sono stati elaborati dal CIR, principalmente su fonti del Ministero dell’Interno.)

http://www.stranieriinitalia.it/attualita-profughi._cir

.

Emergenza Immigrazione, il Viminale: « Più di 800 mila pronti a partire », lettera43.it, 29/04/2014

 « La polizia delle frontiere: «Nuovi sbarchi dalla Libia. Non sappiamo più come gestirli».

Sono 800 mila, se non di più, le persone pronte a partire dall’Africa verso l’Europa. L’allarme è stato lanciato dal direttore centrale dell’immigrazione e della polizia delle frontiere, Giovanni Pinto, ascoltato in audizione dalle Commissioni Difesa ed Esteri riunite del Senato, dove ha sottolineato come «l’operazione Mare nostrum abbia sicuramente dato risultati eccellenti, anche se ha incrementato le partenze dalla Libia».

«Attraverso la Libia», ha spiegato Pinto, «giunge l’universo mondo. In quel Paese c’è la percezione di assoluta mancanza di controllo e rischiamo in prospettiva di veder aumentare sensibilmente il numero di clandestini. In Libia non c’è un primo ministro, non c’è alcuna compagine governativa, non ci sono ministri. Ci sono clan, due in questo momento, che hanno il controllo: uno di area moderata, l’altro estremista supportato dal Qatar. I rappresentanti nominati dell’assemblea sono alle dipendenze delle tribù che controllano il territorio». » (…)

http://www.lettera43.it/politica/immigrazione

Source illustration : ibidem

sbarchi2013 14 2