Io sto con la sposa, 71st Venice International Film Festival, 04/09/2014

71st Venice International Film Festival

 27th August > 6th September 2014

 Orizzonti

 

IO STO CON LA SPOSA [OUT OF COMPETITION] – ANTONIO AUGUGLIARO, GABRIELE DEL GRANDE, KHALED SOLIMAN AL NASSIRY

 4 September 14:30 – Sala Grande

 ORIZZONTI

Io sto con la sposa [Out of competition] by Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry – Italy, Palestine, 89′

 language: Italian, Arabic – s/t English, Italian

(documentary) Tasneem Fared, Abdallah Sallam, MC Manar, Alaa Bjermi, Ahmed Abed, Mona Al Ghabr

 Directors’ Statement

 A documentary and yet a political act, a real and yet fantastic story; Io sto con la sposa is all these things at once. Rather than writing dialogs and character parts, we organised the journey on the basis of scenes, imagining situations in which our characters, used to the presence of the cameras, could move freely. The filming, therefore, always had to adapt to the needs of the political act, because we really had to get to Sweden—it wasn’t just for the film. And we had to get there as quickly as possible. This obviously set an extremely demanding work rate. The fact that we were sharing a great risk and a great dream inevitably united us. And this experience also changed our way of seeing things and helped us in the search for a new perception of the border—for a language which, without falling into the trap of victimism, was able to transform the monsters of our fears into the heroes of our dreams, the ugly into the beautiful and numbers into names.

.

Voir aussi : http://enigmur.hypotheses.org/3683

 

 

venezia

 

 

“Foto di gruppo con velo nunziale. Alla Mostra di Venezia (fuori concorso nella sezione Orizzonti) è la giornata di Io sto con la sposa, di Antonio Augugliaro, Gabriele del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry. Il film (le spettatrici sono state invitate ad andare alla proiezione in abito da sposa) racconta la vera storia del finto corteo nuziale organizzato da tre registi per aiutare cinque palestinesi e siriani, scappati dalla guerra e sbarcati a Lampedusa, a proseguire il loro viaggio dall’Italia alla Svezia, attraverso un’Europa solidale e goliardica che beffa i controlli frontalieri con una mascherata che ha dell’incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013. Una storia per la quale i registi, in caso di denuncia, rischiano una condanna fino a 15 anni di carcere per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Perché Io sto con la sposa non è solo un documentario ma anche un atto di disobbedienza civile.

Forse è per questo che è diventato un film-manifesto prima ancora di uscire. Sulla rete se ne parla da mesi, da quando il 19 maggio è stata lanciata una campagna di crowdfunding da record: in soli 60 giorni sono stati raccolti 100mila euro donati da 2.617 produttori dal basso, senza dubbio il più grande crowdfunding nella storia del cinema italiano e uno dei più importanti a livello internazionale sul fronte del documentario. Il film, prodotto da Gina Films in associazione con DocLab, uscirà nelle sale distribuito da Cineama il 9 ottobre.”  (ansa)

http://www.repubblica.it/speciali/cinema/venezia/edizione2014/2014/09/04/foto/

.

Cinque clandestini e una sposa il finto corteo nuziale attraversa l’Europa, Arianna Finos, inviata a Venezia, larepubblica.it, 05/09/2014

“Sono arrivate a decine, abiti lunghi, veli, fiori nei capelli, perle e scarpine di raso. Un corteo bianco che ha invaso il tappeto rosso per dire: Io sto con la sposa . E così l’opera di tre registi coraggiosi, Gabriele Del Grande, Antonio Augugliaro e Khaled Soliman diventa un caso alla Mostra. Quindici minuti d’applausi e standing ovation per il film presentato fuori concorso a Orizzonti: Io sto con la sposa è un diario di viaggio dalla Siria alla Svezia. Un’avventura che è anche un atto politico: un poeta palestinese e un giornalista italiano hanno messo in scena un finto matrimonio e un corteo nuziale che attraversa l’Europa (Italia, Francia, Germania, Danimarca) per portare cinque clandestini siriano-palestinesi a Stoccolma. Il risultato è commovente, a volte doloroso, spesso gioioso (si vedrà il sala, il 9 poi in rete).”  (…)

http://www.repubblica.it/speciali/cinema/venezia/edizione2014/2014/09/05/news/cinque