Sicile : la nouvelle Lampedusa, Alessandra Ziniti, La Repubblica, Courrier international, 22/04/2014

cercueil-italie

Illustration : Kap , reproduction avec son aimable autorisation. Merci !

« Plus de 1 200 migrants venus des côtes africaines sont arrivés en Sicile en moins de vingt-quatre heures, pendant le week-end de Pâques. Mais les structures d’accueil font cruellement défaut.

 (… ) La nouvelle Lampedusa se trouve ici, le long de la côte entre Porto Empedocle et Augusta, 150 kilomètres à travers les provinces d’Agrigente, Raguse et Syracuse [sud de la Sicile]. Au milieu des plages rendues célèbres par le commissaire Montalbano [héros de l’écrivain Andrea Camilleri, adapté en série télévisée] et des campagnes de Val di Noto, où Anglais, Russes et Américains ont acheté d’anciens corps de ferme pour leurs vieux jours. C’est ici que passent des milliers de ressortissants extracommunautaires qui ont fui leur pays. On compte parmi eux d’innombrables mineurs. Les trois quarts des 400 jeunes qui étaient logés dans une école d’Augusta se sont récemment enfuis, pieds nus et tout juste habillés, sans rien à boire ni à manger » (…)

Lire la suite :  http://www.courrierinternational.com/article/2014/04/22/

.

Sbarchi immigrati, situazione insostenibile, Serena Giovanna Grasso, Quotidiano di Sicilia, 24/04/2014

« Nicolini, sindaco di Lampedusa: “Necessario che l’iniziativa continui sulla terra ferma, all’occorrenza aprire le caserme all’accoglienza”. Così si supererà il record di 62 mila migranti del 2011. Nove mln € al mese per l’operazione Mare nostrum. (…)

Oltre 20.000 in cerca di speranza.

Numero che fa arrivare a quota 20.700 gli immigrati arrivati in Italia dall’inizio dell’anno. Cifra davvero esorbitante, in particolar modo se si tiene a mente che nello stesso periodo dell’anno scorso gli immigrati sopraggiunti sulle coste della Penisola rappresentavano poco più del 10% del totale odierno (2.500). Numero che si appresta a competere con il record conquistato nel 2011 in seguito alle primavere arabe, anno in cui arrivarono circa 62 mila migranti. (…)

Benvenuti… all’inferno.

Se da una parte possiamo vantare i prodigiosi risultati raggiunti grazie all’iniziativa, dall’altra non possiamo negare che i migranti una volta sbarcati sulle coste italiane si ritrovano di fronte un sistema di accoglienza del tutto carente, assimilabile quasi ad un campo di concentramento. Infatti, a dispetto dell’immagine dell’Italia come una sorta di America delle opportunità di inizio novecento, è diamtralmente opposto lo scenario con il quale dovranno confrontarsi. I centri di accoglienza sono al collasso: vedi il Cara di Mineo tarato per una capienza massima di 2.000 unità, ma che in realtà ne ospita esattamente il doppio, vedi il centro di accoglienza di Pozzallo, un capannone industriale con le finestre oscurate, che potrebbe contenere un massimo di 180 migranti, ma dove invero ne sono presenti oltre 300.

Le proposte del sindaco di Lampedusa.

Proprio relativamente alla materia accoglienza si è espressa Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa, avanzando una serie di proposte.

“Il Papa ha detto di aprire i conventi. Noi diciamo di aprire le caserme, tanti edifici pubblici – ha dichiarato la Nicolini al Corriere della sera – e di non considerare centri di accoglienza lager da 4 mila posti come il Cara di Mineo che serve per garantire milioni di euro ai privati”. Ma l’idea del sindaco va oltre, la quale continua affermando: “Occorre un ‘Mare nostrum 2’ sulla terraferma e sulle due coste. Qui da noi non abbiamo più dei veri centri accoglienza. È saltato tutto. Né quello di Lampedusa potrà risolvere i problemi perché, non appena finiranno i lavori di ristrutturazione e riaprirà, avremo appena 450 posti. Declassati da 800 a 450. E quindi bisogna ripensare ad una strategia completa. Con navi che non debbono salvare i migranti in mezzo al mare, ma che debbono farli salire a bordo nei porti di Tripoli o di altre città africane dopo una selezione, tagliando così il business dei trafficanti. Bisogna aprire un canale umanitario in Siria che  coordini il Paese con l’Europa intera’’.

Vedi l’Italia e scappa.

Come anticipato, sono davvero pochi coloro i quali credono di trovare la fortuna in Italia. I più considerano lo Stivale come una terra di passaggio. Ed è proprio per questo motivo che numerosi immigrati fuggono, evitando il riconoscimento ed evitando altresì di incappare nei tempi lunghissimi a cui vengono condannati dalla burocrazia italiana.(…)

I nuovi schiavi.

In secondo luogo, non è da sottovalutare il pericolo che corrono con la loro fuga, diventando troppo facile preda della criminalità organizzata, facilitando così la tratta di persone e la riduzione in schiavitù. Troppi sono i minori da annoverare purtroppo tra questi. Come denunciato da Save the children. “I rischi ai quali questi ragazzi e queste ragazze si espongono sono enormi: possono diventare facile manovalanza per il lavoro nero, lo sfruttamento sessuale, la criminalità” spiega Raffaela Milano, direttore Programmi Italia-Europa di Save the Children.  » (…)

Continua :

http://www.qds.it/index.php?sez=articolo&skip_interstitial=true&id=15991

.

Il piano contro Mare Nostrum, Giovanni Maria Bellu, L’Unità, 25/04/2014 

« Questa settimana la copertina di Left ha un titolo apparentemente brutale – «Lasciateli annegare» – che, però, non è altro che la sintesi di un movimento in atto tra l’Italia e il resto dell’Unione europea per interrompere l’operazione Mare Nostrum.

 Nei giorni scorsi la Lega e Forza Italia ci hanno «messo la faccia» annunciando una mozione parlamentare per la cessazione della operazione di salvataggio avviata dopo la strage di Lampedusa. Ma in verità un lavorio finalizzato a questo risultato è in atto da tempo.

 Se ne sono accorti per primi, un mese fa, il Consiglio italiano dei rifugiati e l’Unhcr che hanno lanciato l’allarme. Senza avere alcuna risposta chiara. Perché, Lega e Forza Italia a parte, nessuno dice che Mare Nostrum deve finire. Anche se, contemporaneamente, il governo non è in grado di assicurare che andrà avanti fino al momento in cui saranno aperti dei corridoi umanitari per consentire a quanti hanno diritto all’asilo di raggiungere l’Europa legalmente e in condizioni di sicurezza.

 Il lavorio consiste nel creare le «condizioni oggettive» per interrompere Mare Nostrum senza che nessuno debba assumersi la responsabilità politica della decisione. Left svela i contorni di un disegno elementare quanto ipocrita: l’operazione di salvataggio costa troppo, nove milioni al mese, ed è quasi totalmente a carico dell’Italia; gli altri Paesi europei (con la sola eccezione della Slovenia) non intendono dare alcun contributo economico. » (…)

Continua : http://www.unita.it/italia/il-piano-contro-mare-nostrum-