La Libia rinnova l’intesa con l’Italia sulle frontiere. Il problema è il controllo del Paese,Gianandrea Gaiani, Il Sole 24 ore, 5/11/2013

“Tripoli rinnova la collaborazione con Roma per istituire un sistema di monitoraggio elettronico delle frontiere terrestri che si svilupperà a partire da quelle con Tunisia e Algeria fino alla frontiera con Egitto e Sudan. Un programma varato nel 2008 all’epoca del regime di Muammar Gheddafi, nell’ambito degli accordi bilaterali che portarono alla firma del Trattato di amicizia italo-libica e poi interrotto dalla guerra del 2011.

”Il controllo dei confini permetterà di ridurre il traffico illegale di essere umani”, ha dichiarato in una conferenza stampa il premier Alì Zeidan che deve fare i conti con la destabilizzazione interna ce con le pressioni italiane per i crescenti flussi migratori illegali dai porti libici verso Lampedusa. Già nell’incontro del luglio scorso Enrico Letta aveva sottolineato a Zeidan come l’Italia considerasse prioritario il controllo dei confini libici confermato dall’impegno di Roma ad addestrare le guardie di frontiera e la guardia costiera libiche.

Il sistema di monitoraggio delle frontiere terrestri libiche è un ambizioso progetto ad alta tecnologia interamente “made in Italy” messo a punto da Selex ES (gruppo Finmeccanica) e GEM Elettronica grazie a un contratto da 300 milioni di euro che prevedeva l’installazione di una rete di radar Land Scout sviluppati appositamente per il controllo delle frontiere e in grado di individua anche i movimenti di gruppi di persone appiedate.”  (…)

Vede : http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-11-05/

.

Immigrati, Letta avverte la Libia: non accetteremo da Tripoli mezze risposte, Il Sole 24 ore, 21/10/2013

“Sull’emergenza immigrazione l’Italia chiede risposte dalla Libia. «Non vogliamo, nè accetteremo dalle autorità libiche mezze risposte o risposte insufficienti, non è immaginabile che ci siano dalla Libia atteggiamenti meno che cooperativi». Lo ha sottolineato il premier Enrico Letta, parlando di immigrazione dopo l’incontro a palazzo Chigi con il premier greco Antonis Samaras. «Vogliamo risposte molto forti – ha spiegato – , abbiamo intenzione di essere molto attenti alle coste e ai porti libici . Per noi il pattugliamento del mare non è quello delle acque attorno a Lampedusa o alla Sicilia ma andare a far sì che le autorità libiche si assumano le responsabilità, andare lì fino all’estremo».” (…)

Vede : http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-11-05/la-libia