La verità sul naufragio di Lampedusa, “Così l’Italia ci ha lasciati morire”, Fabrizio Gatti, L’Espresso, 7/11/2013

“Dal barcone naufragato l’11 ottobre erano partite tre telefonate di soccorso alle autorità italiane. Ma la centrale operativa ha perso due ore. E alla fine ha risposto: ‘Chiamate Malta’. Così sono annegati 268 siriani in fuga dalla guerra, tra cui 60 bambini. La video testimonianza di Mohanad Jammo, il medico siriano sopravvissuto, che nella tragedia ha perso due figli.

La morte di 268 profughi siriani, annegati l’11 ottobre a largo di Lampedusa, poteva essere evitata. Un’inchiesta de “l’Espresso” ricostruisce l’incredibile comportamento delle autorità italiane e l’effetto dei regolamenti europei. Ci sono state tre chiamate di soccorso via satellite ignorate. Due ore di attesa in mare. Per poi scoprire che l’Italia non aveva mobilitato nessun aereo, nessuna nave della Marina, nessuna vedetta della Guardia costiera. Anzi, dopo due ore, la centrale operativa italiana ha detto ai profughi alla deriva a 100 chilometri da Lampedusa che avrebbero dovuto telefonare loro a Malta, lontana almeno 230 chilometri. Due ore perse: dalle 11 alle 13 di venerdì 11 ottobre. Se gli italiani si fossero mobilitati subito o avessero immediatamente passato l’allarme ai colleghi alla Valletta, la strage non ci sarebbe stata.” (…)

http://espresso.repubblica.it/inchieste/2013/11/07/news/

English :

Lampedusa shipwreak: those 268 deads could have been avoided, Fabrizio Gatti, L’Espresso, 7/11/2013

http://espresso.repubblica.it/inchieste/2013/11/07/news/lampedusa-shipwreak-those-268-deads-could-have-been-avoided-1.140418