Archives de catégorie : Revue de presse depuis 2016

Naufragio al largo di Lampedusa, i morti sono 239. Almeno sei bambini fra le vittime, Giorgio Ruta, repubblica.it, 3/11/2016

« Il bilancio è stato possibile grazie ai racconti dei sopravvisuti arrivati sull’isola. Almeno un centinaio i dispersi. Due feriti gravi trasferiti in elicottero a Palermo. La sindaca Nicolini: « E’ un genocidio, subito i corridoi umanitari ». Bartolo: « Un uomo ucciso per costringerli a imbarcarsi »

I sopravvissuti confermano le preoccupazioni: potrebbero essere 239 le vittime del naufragio di ieri, a 25 miglia a Nord della costa libica. I 29 superstiti sono arrivati nella notte a Lampedusa e ai soccorritori hanno raccontato che sull’imbarcazione, partita dalle vicinanze di Tripoli, ci sarebbero state circa 300 persone. Al momento le salme recuperate sono 12. Tra i 239 dispersi, spiega Carlotta Sami di Unhcr su Twitter, ci sono « almeno 6 bambini ». Questi due nuovi naufragi « portano a 4.220 il numero di coloro che sono morti per cercare salvezza nell’Unione Europea ». La soluzione « si conosce ma non viene applicata: vie legali per le migrazioni e l’asilo ». (…)

« Basta con queste stragi, rischiamo un genocidio vero e proprio. Bisogna subito avviare i corridoi umanitari, altrimenti non finiremo mai di contare morti ». Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa, reduce dall’incontro alla Casa Bianca dove è andata con il premier Matteo Renzi, è appena tornata dall’hotspot di Lampedusa e dalla Guardia medica, dove sono ricoverati alcuni dei 29 superstiti dell’ultima strage in mare. I migranti si trovavano su due gommoni, su uno c’erano 138 persone e sul secondo 140, i morti sono complessivamente, secondo il racconto dei superstiti almeno 249. Tra loro un bambino di due anni.

 « E’ una strage continua – dice Nicolini – Ho incontrato alcuni superstiti che sono ancora sconvolti da quanto accaduto. Delle donne hanno anche subito delle violenze fisiche ». « Servono strumenti legislativi adeguati – dice Giusi Nicolini – E poi pensiamo a queste persone che arrivano a Goro e vengono rifiutati. Incredibile ». (…)

http://palermo.repubblica.it/politica/2016/11/03/news/naufragio_al_largo_di_lampedusa_i_morti_sono_99-151209440/?ref=HREC1-2

crédit illustration : « End of Dreams », sculpture, N. B. Skyum Larsen, Calabria, 2014 june  foto di Giuseppe Politi, voir : https://enigmur.hypotheses.org/3796

Ritorno a Lampedusa, Fabio Tonacci, Cristiano Minichello (Agf), repubblica.it, 01/10/2016

 » Nel terzo anniversario del naufragio in cui persero la vita 368 migranti, 25 sopravvissuti si sono ritrovati sull’isola per raccontare le loro storie. E per chiedere che stragi come quella non si ripetano più

Le loro vite nuove costruite in tre anni d’Europa le hanno riportate come testimonianza a Lampedusa. Dove tutto poteva finire, e invece tutto è iniziato. In 25 dei 155 sopravvissuti al naufragio del 3 ottobre 2013, in cui affogarono 368 eritrei salpati dalla Libia, sono tornati sull’isola per il terzo anniversario della strage. Il primo dopo l’approvazione della legge che ha dichiarato quella data Giornata della Memoria e dell’Accoglienza. La diaspora dei migranti li ha sparpagliati in tutto il Nord Europa. Uno solo è rimasto in Italia, con la Comunità di Sant’Egidio.

Chi è tornato racconta a Repubblica un pezzo di sé. Qualcuno, si intuisce, omettendo le reali difficoltà dell’integrazione. « L’Europa inizia a Lampedusa, questo è il messaggio », dice Tarek Brhane, presidente del Comitato 3 Ottobre che ha organizzato la tre giorni di celebrazioni. « Dal 2013 sono morte in mare altre 11.400 persone. Siamo stufi di contare i cadaveri ».

ALEX, 28 anni (foto)

« Devo innaffiare la piantina 18, ricordo del mio amico perduto »

Alex è tornato a Lampedusa perché deve vedere una pianta. La numero 18. Dopo il naufragio il Comitato 3 Ottobre decise di piantarne 368 nel Giardino della Memoria, una per ogni vittima. Quella per il suo amico d’infanzia, Alex l’ha voluta mettere nella terra con le sue mani. Ma da allora non ha più parlato di quella notte. Non è mai esistita, è una cicatrice nera dentro all’anima. Alex sta crescendo, come la pianta. Ha un sacco di cose da raccontare al suo amico che non c’è più. Che ora vive a Amersfoort, in Olanda. Che a 28 anni è finalmente padre di una bambina, Enos, di tre mesi. Che ha una moglie, Rachele, e un lavoro da cameriere. « La vita è dura, ci trattano bene, ma la lingua è un ostacolo per tutto ». Il prossimo anno tornerà a Lampedusa, perché ha promesso di far conoscere Enos alla sua « famiglia » italiana: i coniugi Piera Macaluso e Lillo Maggiore, che lo hanno accolto in casa per alcuni mesi dopo il 3 Ottobre. « A papà Lillo ho chiesto solo una cosa: di annaffiare sempre la mia pianta ». » (…)

http://www.repubblica.it/cronaca/2016/10/01/news/ritorno_a_lampedusa-148853936/?ref=HREC1-2

Crédit photo : Cristiano Minichello (Agf), ibidem

Voir aussi :

Évelyne Ritaine, « Quand les morts de Lampedusa entrent en politique : damnatio memoriæ », dans Effets-frontières en Méditerranée : contrôles et violences, Cultures & Conflits, 99-100, 2015

Consultable sur : https://www.cairn.info/revue-cultures-et-conflits-2015-3.htm

 

 

« Fuocoammare », Lampedusa, feu en mer, Marie Soyeux, la-croix.com, 27/09/2016

fuocoammare2

 » (…) En se refusant le droit au commentaire, Gianfranco Rosi s’oblige à positionner son regard, avec une exigence et une patience extrêmes. Lorsqu’il s’installe sur l’île de Lampedusa, à 200 kilomètres de la Sicile, après le terrible naufrage du 3 octobre 2013, mille caméras l’ont précédé.

Toutes ont rendu compte de la tragédie répétée de ces rivages. Des images, des chiffres, des interviews ont été compilés. On parle de 400 000 migrants depuis 1990 – pour combien de morts ? L’énormité des chiffres n’en demeure pas moins abstraite à ses yeux. Son intention n’est alors pas politique, mais plutôt éthique.

Il s’agit de trouver le point de vue qui échappe à la fois à l’abrutissement des données et à la violence soudaine des images. Il pose sa caméra pour longtemps – dix-huit mois – et de biais.

Lui qui affirme haïr les ciels bleus et ne rien pouvoir filmer sous une lumière trop vive s’imbibe de l’hiver de Lampedusa. Il part à la rencontre de quelques habitants, troublé par un paradoxe : ces derniers, au plus près du drame, ne sont pour beaucoup plus en contact avec les migrants. » (…)

> (Re) lire : À Berlin, un Ours d’or pour Lampedusa

http://www.la-croix.com/Culture/Cinema/Fuocoammare-Lampedusa-feu-en-mer-2016-09-27-1200792099

Voir aussi notre rubrique Lampedusa :

https://enigmur.hypotheses.org/category/medimurs/iles-med/lampedusa-2013-2015

 

 

 

Lampedusa/revue de presse depuis 2016/Evelyne Ritaine

 

@Calogero Camilleri, Fabrica
@Calogero Cammalleri, Fabrica

“Lipadusa“ arriva in Germania (Calogero Cammalleri, Lipadusa, Photos, Fabrica ed., 2014)

« Lipadusa è il titolo del libro e della mostra fotografica di Calogero Cammalleri, ex studente di Fabrica, che sarà esposta dal 28 febbraio al 19 giugno presso il Museo Kunst der Westküste sull’isola di Föhr (Schleswig-Holstein, Germania settentrionale). Le foto vengono esposte per la prima volta in Germania.

Lipadusa è un progetto sull’identità di Lampedusa. Divenuta suo malgrado sinonimo di migrazione, di tragedie in mare, di un centro d’accoglienza straripante disperati e miseria è raccontata nel libro di fotografie di Calogero Cammalleri e il testo della giornalista Silvia Giralucci, nella sua veste più autentica e profonda.

Le fotografie di Calogero ritraggono lo scorrere della vita di pescatori, bambini, animali di Lampedusa. Calogero è un migrante di ritorno: partito a tre anni con la sua famiglia dalla Sicilia per la Germania, torna nella sua terra dopo diciassette anni a cercare le sue origini. » (…)

http://www.left.it/2016/02/28/lipadusa-arriva-in-germania/

.

« Non arrivano terroristi a Lampedusa, basta con queste sciocchezze », A. Ziniti, larepubblica.it, 01/02/2016

Il sindaco Giusy Nicolini ribatte al ministro della Difesa francese Le Drian che ieri aveva rilanciato l’allarme e chiede l’intervento di Renzi

(…) « Sono molto arrabbiata, anzi sono arrabbiatissima. Il ministro francese ha detto una sciocchezza sul rischio Isis a Lampedusa – ha dichiarato la Nicolini all’Adn Kronos.-  Non è possibile che ogni volta che bisogna lanciare un allarme, si debba parlare di Lampedusa, quando finora Lampedusa è stata simbolo di ben altro, cioè di un grande lavoro di soccorso e accoglienza ».

Il ministro francese ieri ha sottolineato che Lampedusa è a 350 chilometri dalle coste della Libia, osservando che « quando sul Mediterraneo c’è bel tempo, c’è il rischio che (i miliziani dell’Isis) possano fare la traversata, mescolandosi ai migranti è un grande rischio ».

« Quello che dice il ministro della Difesa francese è privo di fondamento – dice il sindaco Nicolini – non tiene assolutamente conto dei dati e mi fa impressione che uno statista europeo di questa levatura non sappia che dei 150.000 migranti arrivati nel 2015 via mare , solo 20 mila profughi sono stati portati a Lampedusa, gli altri 130 mila sono stati portati sulle coste siciliane. Non capisco perché il pericolo dovrebbe essere Lampedusa. Inoltre vorrei ricordare al ministro francese che gli autori dei più recenti attentati terroristici a Parigi sono cittadini francesi e non provenienti da Lampedusa. Noi da più di venti anni ci occupiamo di accoglienza e posso assicurare che sui barconi arriva solo gente disperata. Solo un disperato prende la barca sapendo che può morire ustionato o annegato o addirittura ammazzato. Solo uno stupido potrebbe restare, inoltre, intrappolato a Lampedusa. Ecco perché dico che mi sembra una grande sciocchezza ciò che dice il ministro. C’è stata leggerezza nel dire quelle frasi. E questo farà pagare, per l’ennesima volta, un prezzo molto alto all’isola, in termini di turismo » (…)

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2016/02/01/news/_non_arrivano_terroristi_a_lampedusa_basta_con_queste_sciocchezze_-132477914/?ref=HREC1-19

Lampedusa, l’allarme della Francia: « Pericolo infiltrazioni Is tra i migranti », larepubblica.it, 31/01/2016

Il ministro della Difesa Le Drian indica nella Libia il focolaio che desta maggior preoccupazione per l’espansione di Daesh e l’avvio di un nuovo conflitto dopo Siria e Iraq

http://www.repubblica.it/esteri/2016/01/31/news/libia_allarme_is_ministro_difesa_francese-132438711/