Archives de catégorie : Migrants à la mer

Mai più un’ « altra Lampedusa »: la Ue manda Sentinel-1A nello spazio, Francesca Ambrosini, TgCom24, 8/04/2014

Il Vicepresidente della Commissione Europea Tajani intervistato da TgCom24 

« Sarà come un grande occhio che guarderà la Terra dall’alto, il primo satellite del sistema europeo di osservazione della Terra. Si chiama Sentinel 1A ed è stato messo in orbita la scorsa settimana nella stazione spaziale di Korou, in Guyana francese. Per capire di che cosa si tratti e soprattutto come si è arrivati a questo progetto abbiamo intervistato Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione europea nonchè Commissario responsabile per l’industria, l’imprenditoria, lo spazio. 

1) Sentinel 1A è il primo satellite di Copernicus, il sistema europeo di osservazione della terra: quali sono gli obiettivi?

La riuscita del lancio segna infatti un’importante pietra miliare per il programma UE di osservazione terrestre Copernicus. Sentinel 1A, il primo satellite di questo programma, è stato messo in orbita da un vettore lanciato il 3 aprile alle 23.02 dal cosmodromo europeo di Kourou, nella Guiana francese. Si può dire che da questo momento in poi l’Europa è all’avanguardia nei sistemi di osservazione della terra, essenziali per la nostra sicurezza, la salvaguardia dell’ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici. Grazie a Sentinel 1A, occhi nuovi osserveranno il nostro pianeta Terra come non è stato visto mai in precedenza e questi occhi saranno europei! I dati forniti da questo satellite consentiranno di compiere notevoli progressi per il miglioramento della sicurezza marittima, il monitoraggio del cambiamento climatico e l’erogazione di aiuti in situazioni di emergenza e di crisi. In questo modo si moltiplicheranno i vantaggi che i cittadini europei trarranno dai nostri programmi spaziali. Copernicus, il programma di osservazione terrestre dell’UE, assicurerà l’osservazione e il monitoraggio regolari dei sottosistemi terrestri, dell’atmosfera, degli oceani e delle superfici continentali e fornirà informazioni affidabili, validate e garantite a sostegno di un’ampia gamma di applicazioni e decisioni in tema di ambiente e di sicurezza.

(…)

4) Un grande aiuto anche per l’Italia?
La maggiore precisione e frequenza dei dati forniti da Sentinel 1A nell’osservazione del Mar Mediterraneo permetterà di evitare tragedie come quella di Lampedusa. Il programma aiuterà i Paesi europei e i loro partner della sponda sud del Mediterraneo di disporre di una sorveglianza delle frontiere marittime migliore e potenziare la lotta alla pirateria e all’immigrazione clandestina attraverso l’osservazione delle navi e delle coste. »

 (…) Continua :

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/2014/notizia/

The Migrants’ Files database, 2014

The Migrants’ Files database on dead and missing migrants on their way to Europe, eepa.be, 01/04/ 2014

« More than 23,000 migrants have lost their lives while trying to reach Europe since 2000, an average of 1,600 every year. 

Journalists from Italy, Spain, Germany, Sweden and France have been working together since August 2013 to compile information on dead or missing migrants. The ‘Migrants’ files’ project has been realised by collecting data from the reportages of Fortress Europe, together with research of UNITED for Intercultural Action and from the ‘PULS’ data project of the University of Helsinki in collaboration with the Join Research Centre of the European Commission

The Migrants’ files database is organised according to the migrant’s name, gender, age and nationality and the fatal incident in which the migrant lost their life is recorded with the date and place (longitude and latitude), together with an explanation about the cause of death and with the number of dead/or missing migrants resulting from the incident.

This comprehensive and detailed survey of European migration fatalities shows that previous estimates of the numbers of migrants who have lost their lives in attempted crossings grossly underestimates the real scale of the tragedy. 

To see the database click here:  http://www.detective.io/detective/the-migrants-files

To read the Report in different languages click on the relevant language Italian, GermanFrench and Spanish

The survey has been carried out by datajournalism agencies Journalism++ SAS, Journalism++ Stockholm and Dataninja ; media outlets Neue Zürcher Zeitung, El Confidencial, Sydsvenskan and Radiobubble as well as freelance journalists Jean-Marc Manach and Jacopo Ottaviani. »

 http://www.eepa.be/wcm/320-eepa-news-and-activities/3476-

 https://www.detective.io/detective/the-migrants-files/

mortsfr2012

 

 

Plus de 4 000 migrants secourus au large de l’Italie en 2 jours, AFP, Le Monde.fr, 9/04/2014

« Quelque 4 000 migrants ont été secourus en quarante-huit heures par l’Italie et plus de 15 000 depuis le début de l’année, affirme le ministre de l’intérieur, Angelino Alfano. « Les débarquements ne s’arrêtent pas et l’urgence est de plus en plus criante : deux navires marchands sont en train de secourir deux bateaux avec 300 et 361 personnes. Il semble qu’il y ait au moins un cadavre à bord », a ajouté le ministre au « GR1 », le journal de la radio publique Rai Uno.

« L’Italie est sous une pression migratoire très forte qui arrive de Libye », a-t-il poursuivi. Selon lui, « entre 300 000 et 600 000 migrants » seraient prêts à embarquer depuis la Libye pour atteindre l’Europe. « C’est une estimation par défaut, qui a été confirmée par la commissaire [européenne aux affaires intérieures] Cecilia Malmström », a-t-il assuré. » (…)

http://lemonde.fr/societe/article/2014/04/09/

routes-migratoires-vers-l-europe

Migranti, la guerra del Mediterraneo, L’Espresso, repubblica.it, marzo 2014

carteimmigration

« Sono oltre 23 mila le persone morte in 14 anni nel tentativo di raggiungere l’Europa. Il 50 per cento in più rispetto alle stime ufficiali. Un’inchiesta, realizzata con gli strumenti del data journalism, rivela un bilancio drammatico per dimensioni e numero di decessi. E conferma come la tratta per Lampedusa sia ormai un cimitero sottomarino »

 di Andrea Nelson Mauro, Alessio Cimarelli e Jacopo Ottaviani. Foto di Massimo Sestini

http://speciali.espresso.repubblica.it/interattivi-2014/migranti/index.html

 » Le fonti e lo scambio dei dati

È come se nel suo complesso il problema dei morti e dispersi ufficialmente non riguardasse nessuno. Nemmeno Frontex, l’organismo comunitario creato nel 2004 con il compito di monitorare i transiti verso il vecchio continente, rilascia dati specifici sul fenomeno perché – come spiegava Ilkka Laitinen, direttore esecutivo di Frontex nel 2007, in una lettera aperta intitolata “Frontex – fatti e miti” – l’agenzia non ha né la mansione specifica, né le risorse umane ed economiche per gestire il problema di migliaia di migranti che tentano di valicare illegalmente le frontiere d’Europa. E quindi nei report di Frontex si parla ripetutamente di “traffico di esseri umani”, ma si evita di affrontare il problema di quanti effettivamente abbiano perso la vita o siano dispersi.

I Migrants files raccolgono i dati sui naufragi censiti da Gabriele Del Grande, giornalista e curatore dell’osservatorio Fortress Europe; dal monitoraggio realizzato da UNITED for Intercultural Action, una NGO che coordina più di 500 organizzazioni europee che si occupano di rifugiati e migranti; e dal progetto PULS dell’Università di Helsinki in collaborazione con il Joint Research Center of the European Commission, un database globale di notizie dal quale sono state filtrate quelle su migrazione e traffico di esseri umani.

Dall’incrocio di queste fonti nasce “The Migrants Files”, il più vasto monitoraggio a livello continentale sul tema, perché non esistono né in Italia né in Europa istituzioni che effettuino sistematicamente censimenti di questo tipo. Non esistono altre stime che non siano frammentarie o visibilmente sottodimensionate. Come quelle dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO), l’agenzia delle Nazioni Unite volta a promuovere la cooperazione marittima tra i paesi membri e a garantire la sicurezza della navigazione e la protezione dell’ambiente marino. Ogni anno l’IMO rilascia due report intitolati “Prassi insicure associate al traffico e al trasporto di migranti via mare” (« Unsafe practices associated with the trafficking or transport of migrants by sea »).

Aggregando i dati tra i report degli ultimi anni si contano ben 87.114 migranti salvati dal 2001 al 2011, mentre il conteggio delle vittime è in realtà irragionevolmente basso (appena 20 morti e 8 dispersi). Sempre l’IMO in altre occasioni ha pubblicato altre cifre, ma focalizzate in zone o periodi specifici. Come i 27.165 migranti salvati dalle autorità spagnole dal 1991 al 2005. Di questi, si apprende, ne sarebbero morti solo 335 e dispersi 362.

Come nasce l’inchiesta

L’inchiesta de l’Espresso è parte dell’inchiesta europea “The Migrants Files”. Il lavoro investigativo è stato condotto da 10 giornalisti, tra i quali i network di datajournalism Dataninja e Journalism++. L’inchiesta e il database sono co-pubblicati da vari media europei, tra cui El Confidencial, Neue Zürcher Zeitung, Sydsvenskan e Le Monde Diplomatique. Per l’Italia il lavoro è stato curato dai giornalisti Andrea Nelson Mauro, Alessio Cimarelli e Jacopo Ottaviani e il sito dell’inchiesta è raggiungibile all’indirizzo http://stories.dataninja.it/themigrantsfiles. Al progetto hanno contribuito anche gli studenti del Laboratorio di Data Journalism dell’Università di Bologna sotto la supervisione di Carlo Gubitosa (giornalista e docente del laboratorio), verificando un campione degli eventi censiti nel database. La realizzazione del progetto è stata possibile grazie al supporto dello European Cross-border Grant Programme di JournalismFund.eu.

Nota metodologica

I tre database originali (Fortress Europe, United e Puls) sono stati ripuliti e uniformati prima di essere uniti in quello finale. Analizzando date, numero di morti e dispersi, luoghi menzionati e descrizione degli eventi sono stati identificati gli eventi duplicati (presenti in più di un database) ed eliminati. Vari controlli incrociati a campione hanno permesso di integrare dati mancanti, aggiungere dettagli degli eventi, recuperare fonti non più esistenti o raggiungibili. Dai nomi dei luoghi si sono ricavate le coordinate geografiche con cui si è costruita la mappa interattiva. Laddove le coordinate precise dei naufragi non erano disponibili, gli eventi sono stati mappati e raggruppati sulle località le più vicine possibile (per esempio, in un ipotetico naufragio avvenuto nel Mar Libico, le vittime sono state geolocalizzate sul baricentro della Libia, dove erano avvenute anche altre tragedie). »

Voir aussi :

Morts pour l’Europe : les chiffres du datajournalisme, Lucie Geffroy, Courrier international, 1er avril 2014

« Entre 2000 et 2013, plus de 23 000 migrants seraient morts en tentant de rejoindre l’Europe. L’enquête transnationale Migrants Files, réalisée avec les instruments du datajournalisme, révèle de nouveaux chiffres accablants » (…)

http://www.courrierinternational.com/article/2014/04/01/morts-pour-l-europe-les-chiffres-du-datajournalisme

 

« Ces gens-là sont morts, ce ne sont plus des migrants », Jean-Marc Manach, Le Monde diplomatique, 31 mars 2014

(…) « Une équipe de journalistes européens révèle aujourd’hui que plus de vingt-trois mille hommes, femmes et enfants sont « morts aux frontières » de l’Europe, depuis l’an 2000, soit plus de 50 % de plus que les estimations dont on disposait jusqu’alors. » (…)

http://www.monde-diplomatique.fr/carnet/2014-03-31-morts-aux-frontieres

 

Photo Essay: For Eritrean migrants, there is more dignity in death, Tim Baster and Isabelle Merminod, New Internationalist, 2013/10/18

Tim Baster and Isabelle Merminod capture the painful goodbyes of the survivors of the recent Lampedusa tragedy and the victims’ families.

« On 3 October, a 17 metre long smuggler’s boat sank off the Italian island of Lampedusa. At around 3am around 550 people, mostly Eritreans, fought for their lives in the sea. Officials have given slightly differing figures, but some 370 bodies have now been recovered while 156 survived the sinking.

Approximately 16,000 people died on the EU border from 1998 to 2012 according to UN Special Rapporteur on the Human Rights of Migrants, François Crépeau.

But EU politicians speak of further tightening border control as if turning irregular migration into a security issue will stop people fleeing from repression. » (…)

More : http://newint.org/features/web-exclusive/2013/10/18/