Gli hanno rubato anche i funerali, Blog « Undercover », Fabrizio Gatti, 22/10/2013

 

lampedusagatti

I parenti delle vittime della strage sono stati trattenuti nel centro di detenzione sull’isola. Nell’area riservata alle autorità, oltre al ministro Angelino Alfano, c’era invece l’ambasciatore della dittatura eritrea, Zemede Tekle. Una passerella di sindaci e gonfaloni.

« Gli abbiamo rubato anche i funerali. I 157 sopravvissuti al naufragio del 3 ottobre non hanno potuto partecipare alla commemorazione delle vittime al molo turistico di San Leone ad Agrigento. Molti di loro hanno fratelli, mogli e amici tra i morti annegati ma non hanno potuto lasciare l’isola di Lampedusa, dove sono tuttora trattenuti nel centro di detenzione.

Sono stati invece accompagnati nell’area riservata alle autorità l’ambasciatore a Roma della dittatura eritrea, Zemede Tekle, e una numerosa delegazione di sostenitori del governo, cioè del regime che con le sue regole sanguinarie ha provocato la fuga di uomini, donne e bambini. Il dieci per cento della popolazione eritrea vive in esilio.

L’area riservata al pubblico è vuota. Manca Agrigento, manca la Sicilia, manca l’Italia. Dove sono le scuole? Dove sono le università? Dove sono gli italiani? Sono riusciti a organizzare un funerale senza bare. Hanno tenuto lontano i sopravvissuti eritrei, ancora bloccati a Lampedusa.

Il risultato davanti agli occhi di alcuni familiari che sono venuti qui è una passerella di sindaci con la fascia tricolore, di gonfaloni, di rappresentanti del governo tra cui il ministro dell’Interno, Angelino Alfano. Ma davanti agli occhi dei familiari appare anche questo drammatico vuoto: 648 morti in undici giorni sono già stati rimossi. » (…)

Continua :

http://gatti.blogautore.espresso.repubblica.it/